Centro di Competenza Medl@ine

LE PROSPETTIVE

Nell’ultimo decennio il settore agricolo è stato profondamente investito dai cambiamenti del contesto di mercato quali la riforma della PAC, lo smantellamento del sostegno dei prezzi e delle barriere commerciali;
il disaccoppiamento dei premi diretti agli agricoltori; l’eliminazione o la forte riduzione dei contributi a singoli prodotti. Inoltre, hanno influito sui mutamenti del settore agricolo i mercati internazionali instabili e l’aumento dei costi energetici e dei prezzi degli input agricoli.
In questo quadro critico, però, il sostegno alla diversificazione e alla multifunzionalità nonché le nuove tendenze di un consumo più attento alla salute, al benessere, all’ecologia e a prodotti innovativi con funzioni specifiche, hanno aperto nuove opportunità anche per le piante officinali per le quali esistono in Italia gli spazi per aumentare la produzione e sopperire, almeno per le specie coltivabili, al fabbisogno esistente, riducendo la quota relativa al prodotto importato, rispetto al quale la produzione italiana deve presentare standard di maggiore qualità e costi uguali o minori.

LE STRATEGIE DI VALORIZZAZIONE

Al fine di conferire alle piante officinali maggior valore in termini economici, è opportuno studiarne la polifunzionalità intesa sia come possibilità di sfruttare i tessuti organi e vegetali da indirizzare verso diverse filiere produttive, sia come applicazione multifunzionale di principi attivi ricavati da queste diverse parti (ad es., tintoria e antimicrobica o anti - UV su un tessuto).
In applicazioni di tipo industriale, le piante officinali possono essere utilizzate come: coloranti, conservanti, addensanti, emulsionanti, aromatizzanti, edulcoranti, ma anche come insetticidi, lubrificanti, inchiostri e tinture
Dalle piante officinali è possibile estrarre principi attivi ed eccipienti di valore nell’industria, in particolare quella farmaceutica e quella cosmetica.
Possono essere utilizzate nell’erboristica, nella produzioni di aromi di uso domestico, nella conservazione, nella produzione di alimenti funzionali.

Riferimenti bibliografici

  1. Argüello van de Putte J., (2005) “Toxic, ichthyotoxic, insect-repellent, and beeattractant plants used in the Serra do Açor (Portugal)”. Journal of Ethnobiology 25(2): 228–239.
  2. Bacci L., a cura di., (2009) “Tessile: Sostenibilità e Innovazione”. Cap. 5, Le Piante Coloranti. Relazione finale progetto LAMMATEST, Regione Toscana.
  3. Gambichler, T., Rotterdam S., Altmeyer, P., Hoffmann, K., (2001) “Protection against ultraviolet radiation by commercial summer clothing: need for standardised testing and labeling”. BMC Dermatol. 1, 6.
  4. Guarrera, P.M., (1999) “Traditional antihelminthic, antiparasitic and repellent uses of plants in Central Italy”. Journal of Ethnopharmacology 68, 183–192.
  5. Guarrera, P.M., (2006) “Household dyeing plants and traditional uses in some areas of Italy”. Journal of Ethnobiology and Ethnomedicine, 2:9.
  6. Hadjichambis A.CH., Paraskeva-Hadjichambi D., Della A., GiustiI M.E., De Pasquale C., Lenzarini C.,Censorii, E., Gonzales-Tejero, M.R., Sanchez-Rojas, C.P., Ramiro-Gutierrez, J.M., Skoula, M., Johnson, C., Sarpaki, A., Hmamouchi, M., Jorhi, S., El-Demerdash, M., El-Zayat, M., Pieroni, A., (2007) “Wild and semi-domesticated food plant consumption in seven circum-Mediterranean areas”, International Journal of Food Sciences and Nutrition, 1_32, iFirst article.
  7. Isman, M.B., (2006) “Botanical insecticides, deterrents, and repellents in modern agriculture and an increasingly regulated world”. Annual Review of Entomology 51: 45–66.
  8. Kerr, R.W., (1977) “Resistance to control chemicals in Australian arthropod pests”. Journal of the Australian Entomological Society 16: 327-334.
  9. Khoshnoud, H., Ghiyasi, M., Amirnia, R., Fard, S.S., Tajbakhsh, M., Salehzadeh, H., Alahyary, P., (2008) “The potential of using insecticidal properties of medicinal plants against insect pests”. Pakistan Journal of Biological Sciences 11 (10): 1380–1384.
  10. Manzo Alberto “Opportunità agricole del Piano di settore delle piante officinali” Direzione Generale per la promozione della qualità agroalimentare e dell’ippica Ufficio PQAI II
  11. Meloni, B., (2006) “Lo sviluppo rurale”. CUEC, Cooperativa Universitaria Editrice Cagliaritana.
  12. Moore, SJ, Debboun, M., (2007) “History of Insect Repellents”. In: Debboun, M., Frances, S.P., Strickman, D., editors. Insect Repellents, Methods and Uses, pp. 3–17. CRC.
  13. Robinson, R. (1971) “Lepidoptera Genetics”. Pergamon Press, Oxford, UK, pp. 1-687.
  14. Vender, C., (2001) “Indagine sulla produzione di piante officinali in Italia [Survey on medicinal andaromatic plant production in Italy]. Comunicazioni di ricerca ISAFA (3):1-72.
  15. Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, CNR-IBIMET, Le piante officinali e i loro colori , Percorsi di orientamento, 2011.